Ciani di DEMOS

C’è bisogno di politiche sulla natalità e sostegni più efficaci per gli anziani

Ciani  di DEMOS

“Sono stati pubblicati oggi i dati Istat sulla popolazione. Quella del Lazio è pari a 5.879.082 abitanti. È diminuita di circa 17,600 mila unità rispetto allo scorso anno, una riduzione dovuta in gran parte al saldo naturale (differenza fra vivi e morti, pari a circa 15 mila persone). Considero di grande interesse questi dati”, afferma Paolo Ciani, consigliere regionale di Democrazia Solidale DEMOS e vice presidente della Commissione Sanità della Regione Lazio.

“Emerge un quadro decisamente poco rassicurante, nonostante alcuni elementi che danno fiducia alla nostra Regione. A livello nazionale, da 4 anni consecutivi la popolazione complessiva diminuisce, con una perdita di oltre 400 mila residenti, più degli abitanti di Bologna. Fino a 5 anni fa la popolazione continuava a crescere grazie agli arrivi di nuovi cittadini da altri Paesi. Ora neanche le migrazioni riescono più a compensare il numero dei decessi rispetto ai nuovi nati. Molto negativo è il dato sulle nascite, non solo nel Lazio ma a livello nazionale. È un problema che i demografi segnalano da molti anni, c’è un trend che dura ormai da molti anni (addirittura dalla metà degli anni Settanta) e che richiede un impegno forte da parte di tutti gli attori. E’ evidente la necessità di politiche sulla natalità. Politiche a livello nazionale, regionale e anche comunale, perché i comuni hanno una responsabilità importante per le politiche sociali. Con DEMOS vogliamo impegnarci su questi punti”.

Nel rapporto dell’Istat si legge: “Dalla capacità del nostro sistema socio-sanitario di proteggere gli individui più fragili dalle condizioni di rischio congiunturali e ambientali, con azioni di prevenzione e di cura mirate dipenderà, in buona parte, l’evoluzione futura altalenante o meno dei decessi”. Conclude Ciani: “Questo mi sembra un punto decisivo, quello della cura degli anziani fragili. Personalmente mi sono speso su questo, impegnando la nostra Regione a stanziare fondi in favore di programmi per prevenire l’isolamento sociale degli anziani. Perciò trovo significativo quanto emerge sul calo della mortalità nella nostra regione: i morti sono stati 57.289, circa duemila in meno dello scorso anno, e il tasso di mortalità è leggermente più basso di quello nazionale (9,7% rispetto al 10,5% nazionale). E' un dato che ci incoraggia a proseguire l’opera di sostegno agli anziani più fragili”.

 Ufficio stampa DEMOS

Ti consigliamo


La centralitàcristiana in vista delle politiche 2018

La centralitàcristiana...

ALCUNE LINEE PROGRAMMATICHE di LUCREZIA CUTRU...

PROPOSTA RENZI, INVESTIRE SULLE NUOVE GENERAZIONI

PROPOSTA RENZI, INVESTI...

80 euro al mese per ogni figlio minorenne

L'opinione      di Lucrezia Cutrufo

L'opinione di Lucr...

Caro Presidente.....ma non aveva vinto il Cen...

TREMATE, TREMATE, STA TORNANDO LA BALENA BIANCA!

TREMATE, TREMATE, STA T...

L'opinione   di Lucrezia Cutrufo

L'opinione di Lucrezi...

UN CONSIDEREVOLE ERRORE che potrebbe cambiar...

Educare i giovani ad acquisire competenze e sacrifici rende uno Stato più ricco

Educare i giovani ad ac...

Commenti


Non ci sono ancora commenti!

Lascia un commento