Tavolo di crisi

Dopo due anni, per i lavoratori delle Agenzie di Recapito di "Poste italiane", in protesta al Mise

Tavolo di crisi

La mattina del 24 ottobre scorso gli ex lavoratori delle Agenzie di Recapito in appalto con Poste Italiane, hanno manifestato al Mise dalle ore 9:00 alle 13:00 per chiedere di avviare un tavolo di crisi per ricollocare i lavoratori attualmente esclusi dal mercato del lavoro e privi da oltre due anni di ammortizzatori sociali.
A tal proposito, il Senatore Puglia ha presentato l'atto di sindacato ispettivo n.3/00133 e la Slc-CGIL ha inviato al Mise ed alle Poste italiane una richiesta di incontro.
Alle ore 12.00 i lavoratori sono stati ricevuti in delegazione da Francesco Vanin (consigliere del Ministro del lavoro e delle politiche sociali) per rappresentare la questione da porre all'attenzione del Ministro Luigi Di Maio e delle parti interessate.
Dopo un' ampia e soddisfacente discussione,  i lavoratori si sono riuniti per divulgare l'esito dell'incontro dal quale risulta l'impegno a verificare i precedenti accordi sottoscritti e la possibilità di ricollocare i lavoratori residuali.
I lavoratori in rappresentanza delle regioni Campania, Lazio e Sicilia hanno intenzione di proseguire la loro battaglia riservandosi azioni di sciopero presso la sede di Poste Italiane.

Andrea Abate

Ti consigliamo


Ultimatum Atacrack

Ultimatum Atacrack

Tempi stretti per Atac

Arrivano le Regionali 2018

Arrivano le Regionali 2...

Il consigliere Quadrana si ricandida per cont...

Una Nuova spinta

Una Nuova spinta

STOPOVER ROMA!

STOPOVER ROMA!

LA CAPITALE E LA COMPAGNIA DI BANDIERA UNISCO...

"Giù le mani dai nostr...

Il grido dell' E.N.C. contro le onlus animali...

“A ME NON ME STA BENE CHE NO”

“A ME NON ME STA BENE...

il grido antifascista di Torre Maura

Commenti


Non ci sono ancora commenti!

Lascia un commento